Attività in corso
Da luglio 2010 tuttora in corso

È titolare del progetto In-Differenze – Le madri migranti tra rischio di esclusione e pratiche d’inclusione, promossa e finanziata dal Csv Napoli nell’ambito del Bando di idee 2009 Azione 1 "Il Volontariato per la Comunità".

Il progetto si pone come obiettivo generale quello di sensibilizzare i volontari e gli operatori pubblici e del terzo settore, incluse le organizzazioni a base etnica, attivi a Napoli sulla tematica della povertà dalle donne migranti, in particolare a quella legata al fallimento del progetto migratorio, a seguito della maternità vissuta in un contesto straniero, debole dal punto di vista del sistema di protezione sociale e dei servizi alle famiglie, spesso in assenza di quelle reti reti di solidarietà familiare ed amicale che consentono alle autoctone di conciliare lavoro e cura dei figli piccoli.

Da Gennaio 2010 ad oggi

È titolare del progetto Ar Rafiq, finanziato dalla Fodazione Banco Napoli per l’Assistenza all’Infanzia.

Il progetto ha come obiettivo favorire l'inserimento scolastico e sociale dei minori immigrati, in particolare quelli giunti per ricongiungimento familiare.

Per raggiungere tale obiettivo si propone un insieme integrato di servizi mirati a supportare, da un lato, le famiglie migranti nella conciliazione dei tempi familiari e di lavoro, dall’altro, a sostenere le scuole del territorio nell’accoglienza e nell’inserimento dei minori immigrati.
Inoltre, attraverso una programmazione didattica e culturale, il progetto si pone l'obiettivo promuovere e organizzare spazi e opportunità a carattere laboratoriale, che accolgano le esigenze di socializzazione e di crescita, di mantenimento della cultura di origine di integrazione, a partire dall’adozione di un modello innovativo centrato sulla interculturalità delle dimensioni educative, ludiche e culturali.

Da Settembre 2008

Partecipa, in partenariato con la Cooperativa sociale Dedalus, alla realizzazione del Centro Aggregativo Interculturale Napoli Orientale rivolto a minori e giovani che, realizzato presso la sede di un bene confiscato alla camorra, ospita attività formative e di carattere ludico-ricreativo.

Maggio 2008

E’ titolare dell’iniziativa Piccoli Viaggiatori, finanziato dal CSV Napoli, che prevede la realizzazione di un convegno sul tema dei minori stranieri.

L’iniziativa si configura quale spazio aperto di riflessione e confronto, rivolto a tutti gli operatori e operatrici del settore, finalizzato, da un lato, ad evidenziare i punti di forza e gli elementi di debolezza degli interventi e delle politiche oggi in atto, dall’altro, a definire una proposta comune e condivisa che risponda ai bisogni di protezione e tutela dell’infanzia e dell’adolescenza immigrata.

Aprile-Maggio 2008

E’ titolare del progetto VolontariaMente, finanziato dal CSV Napoli, che attraverso due cicli di seminari, uno d’aggiornamento ed uno di formazione, mira ad incrementare e diffondere conoscenze approfondite ed interdisciplinari ad uso degli operatori, del volontariato, degli enti pubblici e del privato sociale, che operano o intendono avvicinarsi al settore del volontariato nel campo dell’immigrazione.

Da Gennaio 2008

E’ titolare della ricerca-azione Donne migranti e maternità: libere di scegliere - promossa e finanziata dal Comune di Napoli (determina n. 10 del 30/04/2007) - tesa alla promozione del diritto alla maternità responsabile per incoraggiare i valori ed i principi della socialità, solidarietà, inclusione e pari opportunità, svolgendo un’azione specifica di prevenzione degli abbandoni involontari di figli di donne straniere dovuti alle difficoltà di riconoscimento da parte delle madri, prive di adeguati documenti, che partoriscono presso strutture ospedaliere o cliniche convenzionate.

Da Settembre 2008

Partecipa, in partenariato con la Cooperativa sociale Dedalus, alla realizzazione del progetto La casa di Ilde - Percorsi di accoglienza e cittadinanza per donne immigrate sole o con figli, finanziato dal Ministero della Solidarietà sociale (avviso n. 1 del 2007; decreto del 12/09/2007).

Ha promosso ed attivato un servizio integrato rivolto alle donne straniere che si trovano a vivere particolari situazioni di disagio, discriminazione e marginalità, con l’obiettivo di costruire condizioni stabili e certe di diritto, cura ed emancipazione, attraverso la realizzazione di programmi individualizzati specifici.

Da Giugno 2000 a tutt’oggi

Partecipa, in partenariato con la Caritas Diocesana e, successivamente, con la Cooperativa sociale Dedalus al progetto Numero Verde Antitratta 800 290 290 della Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità (delibera n. 395 del 1/02/07, determina n. 11 del 12/04/07, determina n. 25 del 12/09/07).

Da Giugno 2000 a tutt’oggi

Partecipa, in partenariato attivo con la Cooperativa sociale Dedalus e il Comune di Napoli, alla realizzazione del progetto La Gatta - unità mobile di strada per l’intervento sulla prostituzione extracomunitaria attraverso attività d’informazione prevenzione e tutela sanitaria, di supporto ai percorsi d’uscita, finanziato in base all’art. 18 del D.Lgs. 286/98 (avviso n. 8 del 21/02/07, delibera del 22/12/07).
Obiettivo di fondo del progetto La Gatta è quello di favorire percorsi virtuosi di inclusione sociale delle ragazze immigrate coinvolte nel circuito della prostituzione e della tratta.
In particolare il progetto si propone di:
- offrire informazioni alle donne sulla tutela della salute, in particolare per la prevenzione dell’Aids e delle altre malattie trasmesse sessualmente
- facilitare l’accesso ai servizi sociali e sanitari, anche con l’aiuto e l’accompagnamento degli operatori e delle operatrici del progetto
- aiutare le prostitute a tutelare i loro diritti e intraprendere percorsi di piena inclusione.